Il corpo del testo, il contenuto della tua pagina web

Il corpo del testo: il contenuto del tuo sito web deve fare la differenza

 

Google determina soprattutto a che punto il testo corrente di una pagina web è rilavante in rapporto ad una parola chiave utilizzata durante una ricerca. Per questa ragione utilizza le parole chiave più importanti nel testo. Non esagerate nemmeno, rischiando anzi di vedere Google dare una valutazione negativa alla tua pagina e dunque di ottenere uno score più basso. Lo stesso vale per gli internauti per cui la ripetizione all’infinito delle stesse parole chiave, rendono il testo noioso ed artificiale. Fai in modo di ottenere un mix equilibrato tra le parole chiave e le parole che a loro sono correlate.

 

Come si fa a scrivere un buon testo per il web?

 

  • Cerca su Google quali sono le pagine che ottengono lo score migliore per la parola chiave sulla quale lavori.
  • Analizza la lunghezza del testo, le parole chiave e le parole correlate.
  • Soprattutto NON PLAGIARE. Google lo noterà e sarai penalizzato con un punteggio più basso da parte di Google.
  • Utilizzando un contenuto di qualità, fai sentire agli internauti che sei uno specialista in materia e guadagna la loro fiducia.
  • Con l’aiuto di una call to action, porta i visitatori a fare ciò per cui il tuo sito è stato creato. Un approccio puramente matematico della scrittura del contenuto della tua pagina web – un numero preciso di parole, di cui una percentuale esatta di parole chiave e un’altra percentuale di parole correlate – ti permetterà di avere una posizione elevata nei risultati di Google, ma tieni anche in conto che gli internauti rischiano di non rispondere favorevolmente ad un testo disumanizzato.

Gli internauti scansionano il testo più che leggerlo: cominciano a leggere il titolo ed il primo paragrafo, passano rapidamente sulle immagini, leggono i sottotitoli e scrollano un po’ verso il basso. Per questo è utile « mettere in evidenza » le parole importanti – comprese le parole chiave un certo numero di volte – per esempio mettendole in grassetto – bold – tra i tag <strong>.
In tal modo si attira l’attenzione su queste parole. In una certa misura, Google tiene conto della formattazione (grassetto, italico, ecc.) ma questo facilità soprattutto la lettura degli internauti.

Cosa dovrebbe contenere il corpo del tuo testo, rispetto alle pagine web che hanno uno score migliore su Google per una parola chiave in particolare? Quali sono le parole considerate da Google come dei sinonimi e parole correlate alla parola chiave?

Per una risposta a queste domande, specificatamente alla tua pagina, esegui gratuitamente un’analisi delle parole chiave con l’aiuto del nostro strumento SEO Page Optimizer

 

Articolo del blog seguente: l’information Alt, il tag di commento secondario small ed il tag dei metadati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.